E’ importante l’istologia?

Il termine istologia deriva dal greco “istos” che significa tessuto e logos che significa conosconeza. L’esame istologico rappresenta l’analisi al microscopio dei campione di tessuto, che, in dermatologia, è rappresentato da un campione di cute o di mucosa.

L’esame istologico di una biopsia cutanea è importante per capire la natura di un rash cutaneo o una dermatite inusuale.

L’esame istologico è sempre fondamentale nell’analisi dei nei asportati. Infatti, la demoscopia, detta microscopia di superficie, permette di capire “ in vivo” se un neo può presentare caratteristiche atipiche ma è solo l’esame istologico dopo l’asportazione che potrà fornire con maggiore certezza informazioni sulla natura benigna o maligna della lesione. Pertanto è sconsigliabile rimuovere i nei con il laser in quanto , bruciandoli, non possiamo analizzarne la natura

Il campione viene opportunamente colorato ed analizzato dall’Istopatologo che formulerà un orientamento diagnostico o una conferma diagnostica.

L’esame istologico è a volte integrato dall’immunoistochimica che con coloranti e anticorpi specifici, permette di ottenere informazioni aggiuntive sulla natura e aggressività di un processo, per lo più tumorale.